in CINE Forum

recensione a cura della tirocinante Arianna Aschelter

Diretto da Adrian Lyne ed interpretato da Glenn Close, Michael Douglas e Anne Archer, il film affronta il delicato argomento dell’amore molesto e persecutorio, oggi definito come stalking. Quest’ultimo si manifesta attraverso un insieme di comportamenti intrusivi, che ledono la libertà personale e provocano ansia e paura nella vittima.

Le intrusioni possono essere di diverso tipo: dagli appostamenti fuori casa o fuori gli ambienti che comunemente la vittima frequenta, alle telefonate oscene; dagli atti vandalici a discapito di oggetti importanti per la vittima ad un crescendo di minacce che possono degenerare anche in aggressioni fisiche con il ferimento o, addirittura, l’uccisione della vittima o di altre persone importanti per quest’ultima.   Il persecutore o stalker il più delle volte è un conoscente della vittima, un collega, un ex-compagno o un’ex-compagna che agisce spinto dal desiderio di recuperare il precedente rapporto oppure per vendicarsi di qualche torto subito.

Dan Gallagher, è un avvocato newyorkese felicemente sposato con Beth e padre della piccola Ellen. Un giorno, durante un incontro di lavoro conosce Alex Forrest insieme alla quale decide di trascorrere un weekend di passione mentre la moglie è in campagna in visita dalla madre.  Dopo il weekend Dan decide di tornare alla sua vita e dalla sua famiglia ma Alex, per impedirglielo, si taglia le vene, costringendolo ad accudirla e quindi a restare con lei. Questo comportamento autodistruttivo è solo la prima manifestazione dei problemi psichici che affliggono Alex e la rendono molto pericolosa. Allo scopo di averlo per se, infatti, Alex incomincia a telefonare insistentemente  a Dan sia a casa che in ufficio e in orari impensabili. Sfinito dalla sua insistenza, l’avvocato decide di incontrarla per chiederle di lasciarlo in pace ma lei, a sorpresa, gli comunica di essere incinta. Da questo momento in poi le persecuzioni di Alex, che desidera che Dan si prenda le sue responsabilità nei confronti del bambino, diventano molto più insistenti e pericolose: gli distrugge la macchina con l’acido, gli invia continue minacce, uccide il coniglio della figlia e rapisce per un giorno quest’ultima portandola al luna park. Sconvolto ed impaurito Dan decide di raccontare tutto a sua moglie e una volta sistemato la situazione famigliare, va a cercare Alex con la quale ha un durissimo scontro. Nel finale del film, Alex tenta di uccidere Beth, ma sarà la stalker a perire. E’ la fine di un incubo.

Condividi

Lascia un commento

Scrivi e poi premi Invio per cercare