in CINE Forum

recensione a cura della tirocinante Dr.ssa Serena Colucci

Tomboy“Tomboy”, film drammatico della regista francese Céline Sciamma, è basato sulla pre-adolescenza, la fascia d’età in cui i bambini cercano di affermarsi attraverso la propria identità sessuale. Il termine in inglese letteralmente significa “maschiaccio”. La protagonista è Laure, una ragazzina di 10 anni  che si è appena trasferita in un nuovo quartiere di Parigi insieme alla sua famiglia. A Laure non piace indossare vestiti femminili, nè portare i capelli lunghi e infatti, per stringere nuove amicizie, decide di farsi passare per un maschio, Michael. Con la complicità della sorellina più piccola, Laure non solo riuscirà a farsi dei nuovi amici ma attirerà anche l’attenzione di Lisa, una ragazzina della sua età che abita nel suo stesso quartiere e che ben presto mostrerà di provare qualcosa in più dell’amicizia nei suoi confronti.

A Laure questo non dispiace, tanto che arriveranno a scambiarsi anche un primo bacio. Il gioco non è molto semplice da mantenere e portare avanti ed infatti ben presto prenderà una direzione diversa: Laure verrà scoperta dalla mamma che la costringerà a svelare la propria identità.
“Tomboy” è un film delicato e profondo, il difficile e complesso mondo dei pre-adolescenti viene affrontato con delicatezza e genuinità, senza alcun tipo di giudizio o critica, tutto appare come se venisse fotografato. I dialoghi sono ridotti al minimo perché la fotografia meravigliosa di alcuni momenti salienti riempie lo schermo e gli intensi primi piani di questi bambini acqua e sapone esprimono molto chiaramente l’interno emozionale. La regista mette in scena il conflitto interiore di Laure, la sua voglia di essere maschio e l’imbarazzo di trovarsi in un corpo che non riconosce suo ma non dà spazio ad alcun tipo di malizia. L’accento viene messo su un tema molto importante per i ragazzini/e di quell’età: l’autocoscienza di sé, la scoperta della propria identità sessuale e l’accettazione o meno di questa e soprattutto la libera espressione dell’individuo, al di là dell’appartenenza ad un sesso biologico e ai ruoli di genere.

Condividi

Lascia un commento

Scrivi e poi premi Invio per cercare