in Informazione ed educazione, Sexlog

La pornografia, la cultura e l’immaginario rispetto la sessualità, fatti di stereotipi, rituali e stigma, hanno conferito un significato alle dinamiche sessuali piuttosto circoscritto, etero-normativo e potenzialmente problematico. Una delle conseguenze principali di queste dinamiche, è la visione meccanica del sesso, una delle variabili che in assoluto condiziona la serenità e il benessere sessuale, andando ad esacerbare le sensazioni di ansia da prestazione.

La visione meccanica del sesso è definibile come una visione dell’atto sessuale fatto di “doveri”, interpretazione di ruoli stereotipati, perfezionismo e coito-centrismo, e di conseguenza tende a discriminare gli altri quattro sensi, oltre a quello del tatto (perlopiù legato ai genitali), sottraendo altre esperienze erotiche possibili durante l’atto sessuale. È meno diffusa una cultura della percezione degli odori del partner, dei suoi sapori, delle sue consistenze e dei giochi di sguardi e osservazione. Aspetti che potrebbero anche regalare esperienze realmente più complete, mindful, e progressive, senza la fretta di essere legati al canonico pattern di bacio-preliminari-penetrazione.

Un esempio a cui potremmo pensare è la visione della penetrazione: l’atto coitale, seppur strettamente necessario solo quando si ha intenzione di procreare, viene visto come ciò che decreta un atto “completo”. Questa visione, potrebbe portare a un concetto di atto sessuale piuttosto verticale e gerarchico, dove la penetrazione si trova al vertice, e si lascia poco spazio alle pratiche rimanenti.

Un altro aspetto, è quello della mancanza di considerazione di zone alternative a quelle genitali, le cosiddette zone erogene, uniche e particolari per ogni individuo. Ad esempio, la stimolazione dei capezzoli, anche nell’uomo, è spesso misconosciuta, come quelle del ventre, o dell’interno coscia. In realtà, è considerato sesso anche una stimolazione corporea che dia soltanto piacere e benessere all’altra persona.

Alcune difficoltà sessuali, specialmente quelle associate all’ansia da prestazione, possono essere associate ad una visione meccanica del sesso, che si identifica nella performance e quindi, “nel dover fare”. La sessualità deve essere vissuta come scoperta di Sé e dell’altro, come fase di piacere, di sperimentazione, e di esplorazione. Per tale motivo, per abbattere la visione meccanica del sesso, appare opportuno educare al piacere.

La salute sessuale non è solo assenza di malattia ma anche la possibilità di avere esperienze sessuali piacevoli e, affinchè ciò avvenga è necessaria una comprensione più ampia della sessualità, che va oltre la genitalità e gli aspetti di funzione. Importante risulta anche la comunicazione con il/la partner. Parlare di ciò che piace, delle fantasie sessuali, o al, contrario di quello che non rientra nelle proprie corde è un ottimo modo per aumentare l’intesa sessuale. Si tratta di uno scambio comunicativo che presuppone un’auto-apertura rispetto alla sfera sessuale. Ciò significa riuscire a parlare delle proprie preferenze sessuali e del desiderio di sperimentare determinate attività sessuali in cui non si tratta di questione puramente fisiche.

 

Tutor: Maurizio Leuzzi
Tirocinante: Livio Ricciardi

 

Bibliografia:

-Bruce TJ, Barlow DH. The nature and role of performance anxiety in sexual dysfunction. In: Leitenberg H, ed. Handbook of social and evaluation anxiety. Boston, MA: Springer; 1990.

-McCabe, M. P. (2005). The role of performance anxiety in the development and maintenance of sexual dysfunction in men and women. International Journal of Stress Management, 12(4), 379–388.

-Park, B.Y.; Wilson, G.; Berger, J.; Christman, M.; Reina, B.; Bishop, F.; Klam, W.P.; Doan, A.P. Is Internet Pornography Causing Sexual Dysfunctions? A Review with Clinical Reports. Behav. Sci. 2016, 6, 17. https://doi.org/10.3390/bs6030017

-Pedro J. Nobre & José Pinto‐Gouveia (2006) Dysfunctional sexual beliefs as vulnerability factors for sexual dysfunction, Journal of Sex Research, 43:1, 68-75, DOI: 10.1080/00224490609552300

 

Sitografia:
-https://dilei.it/sesso/educare-piacere-perche-benessere-passa-anche-da-qui/1156700/
-https://www.thewom.it/lifestyle/love-sex/comunicazione-sessuale

Condividi

Lascia un commento

Scrivi e poi premi Invio per cercare