Queer Tango: fra passione e fluidità sessuale

Di recente sono venuta a conoscenza di una versione anticonformista del celebre ballo argentino, il Queer Tango: è un tipo di tango che stravolge regole e ruoli. Se quello tradizionale è improntato sui concetti di eterosessismo e machismo, quello Queer si fonda sulla fluidità. Unisce la passione tipica del tango alla libertà che ogni individuo dovrebbe provare nell’esprimere quello che è. Nel tango classico è l’uomo che invita la donna a ballare, ed è sempre lui che guida e decide tempi e coreografia. Nel Queer Tango, invece, viene a mancare questa rigidità nei ruoli, ogni individuo, a prescindere dal sesso, dall’età o dall’orientamento sessuale può ricoprire il ruolo che desidera: etero, gay, lesbico, transgender, intersex…chiunque può sentirsi a suo agio in una milonga queer! È un ambiente neutrale, che non pone limiti alle persone che vi entrano.

Molti lo vedono come un ritorno alle origini del tango, quando a Buenos Aires gli immigrati europei si ritrovavano a ballare fra di loro per mancanza di donne. Le origini del queer tango, invece, sono molto recenti: nel 2001 ad Amburgo in Germania, è stata organizzata la prima milonga gay-lesbica. Nello stesso anno nacque il Primo Festival Internazionale Queer Tango Argentina e da quella data si svolge ogni anno per riunire coppie dello stesso sesso in tango da tutto il mondo: Germania, Argentina, Danimarca, Svezia, Stati Uniti…questo ballo anticonformista è arrivato ovunque nel mondo! Anche in Italia abbiamo varie milonghe queer, a Roma Cristiano Bramani (fondatore presidente e maestro dell’associazione Tango Queer Roma) e Walter Venturini (vicepresidente, maestro e dj della stessa associazione) gestiscono la prima milonga queer stabile d’Italia, la Malquerida.

L’errore che molti commettono è quello di pensare che siano milonghe solo per gay e lesbiche, ma in realtà non è così, il principio su cui si fonda il Queer Tango è proprio l’apertura completa a qualsiasi individuo, l’eterosessualità è solo una delle tante sfumature, proprio come il presupposto da cui è nato il movimento queer.

Se cercassimo il vero significato del termine “queer”, scopriremmo che significa letteralmente “eccentrico” o “insolito”, ma col tempo ha subìto delle variazioni per cui è finito per indicare tutto ciò che si discosta dal concetto di eteronormatività, ma anche tutto quello che è in contrapposizione agli stereotipi diffusisi nell’ambiente gay. Insomma, chi si definisce queer ritiene e sente che le etichette non descrivano adeguatamente le loro identità, preferenze e il loro orientamento sessuale. La prima a parlare di teoria queer fu Teresa de Lauretis nel 1990 durante una conferenza tenutasi all’Università della California, anche se poi lei stessa si è sentita in obbligo di ritrattare la definizione per via dell’incontrollata rapidità degli sviluppi e usi a cui è stata sottoposta la teoria queer.

Riflettendo un po’ sulla nascita del movimento queer e sul significato che esso ha assunto negli anni, ci possiamo rendere conto del fatto il queer tango è la perfetta rappresentazione dei suoi ideali. Sia il movimento queer che il queer tango puntano a dissuadere dalla pratica comune di dividere in compartimenti separati la descrizione di una persona perché “entri” in una o più particolari categorie definite.

Perciò l’obiettivo dovrebbe essere, tanto per citare le parole del fondatore della Malquerida di Roma sulla sua pagina facebook, quello di “abbracciare l’altro e con l’altro danzare, senza che stereotipi di genere o di ruolo interferiscano nella scelta”.

 

Tirocinante: Chiara Calcagni

Tutor: Fabiana Salucci

 

Sitografia:

https://en.wikipedia.org/wiki/Queer_Tango

https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_queer

https://it.wikipedia.org/wiki/Queer

http://www.repubblica.it/rclub/piaceri/2017/04/13/news/il_tango_queer_per_balalre_senza_regole-162922935/

https://www.facebook.com/Malquerida-Milonga-Queer-di-Cristiano-Bramani-1458123544458737/?__tn__=%2Cd%2CP-R&eid=ARAZhyDbHtLVqeMBMB8gTgu5HgVOdRlCIMWGDoKHX725FwfXuecGhllaqzgV-3Bw1qjYzkA7OzGYEhuV

 

Condividi

Lascia un commento

Scrivi e poi premi Invio per cercare