Squirting: chi, come, quando e perché?

Ad oggi, sappiamo che l’emissione di liquidi dai genitali durante un atto sessuale o masturbatorio, non è solo cosa da “uomini”. Già nell’antichità, infatti, ai tempi di Ippocrate e Aristotele, si accennava ad un “liquido seminale” femminile. Tuttavia, solo nel XVII secolo, grazie all’anatomista olandese De Graff, si arrivò a descrivere questo “seme” come un fluido collegato alle zone erogene vaginali.

Nonostante tale scoperta avvenisse 4 secoli fa, il concetto di eiaculazione femminile sembra lasciarci ancora oggi più domande che risposte. Ad esempio, che cos’è realmente lo squirting e/o l’eiaculazione femminile? Da dove proviene il liquido eiaculato? E’ davvero urina? Possono “squirtare” tutte le donne?

Bene, per provare a rispondere, vediamo di basarci su cosa ha suggerito la scienza negli ultimi anni, tenendo a mente che l’argomento “squirting” é tutt’ora un topic di grande attenzione nel mondo della ricerca scientifica.

Per eiaculazione femminile si intende un’ espulsione di un liquido proveniente dall’uretra che può avvenire, sia con il raggiungimento dell’orgasmo, che durante una fase di eccitazione sessuale.

Ad oggi, la comunità scientifica sembra concorde nell’attribuire questo fenomeno a delle strutture ghiandolari chiamate “Ghiandole di Skene”. Queste, avendo un origine embriologica omologa a quella del tessuto prostatico maschile, vengono anche definite come la “prostata femminile” (Dèttore et al., 2018)
Data la variabilità di queste ghiandole in termini di maggiore o minore presenza intorno all’uretra della donna, la quantità di liquido eiaculato e la capacità di eiaculare, possono variare. Secondo una ricerca del 2013 (Wimpissinger, Springer & Stack, 2013), il fenomeno eiaculatorio sembra interessare una percentuale dal 10% al 54% delle donne, mentre la quantità di liquido espulso varia dai 0.3ml a più di 150ml.

Ma, quindi, è davvero urina?
Prima di rispondere a questa domanda, chiariamo che esistono due diverse tipologie di fluido emesso dalla donna:

1)Eiaculato femminile: liquido biancastro con elevata concentrazione di Antigene prostatico specifico (PSA);

2) Squirting: liquido incolore ed inodore, contenente basse concentrazioni di PSA, ma alte concentrazioni di urea, acido urico e creatinina.

Il primo, data l’elevata concentrazione di PSA ha derivazione prostatica. Il secondo, invece, sembra avere una derivazione renale e vescicale.

Quindi, per tornare alla domanda “è urina?”, la risposta è NO, il liquido emesso non è urina! Tuttavia, può contenerne una minima quantità. Diciamo che, dal punto di vista clinico, la conoscenza di queste due tipologie di liquido dovrebbe rassicurare le donne che presentano un forte imbarazzo per quella che, erroneamente, possono ritenere un’ incontinenza urinaria.

Arrivati a questo punto, possiamo capire come l’esperienza dello “squirting” varii molto da donna a donna. Alcune eiaculano molto, altre meno. Alcune donne non eiaculano affatto, mentre altre potrebbero ma, non stimolano (o non vengono stimolate) nei giusti punti, o sono imbarazzate dalle possibili conseguenze.

Squirting inoltre  non significa un migliore o peggiore orgasmo, atto o abilità sessuale. Purtroppo, ancora oggi, alcune donne, o i loro partner, credono che lo squirting sia un tipo di orgasmo di qualità “superiore” che può essere raggiunto solo attraverso una prestazione sessuale eccellente. Tuttavia, questo è l’ennesimo falso mito intorno all’esperienza orgasmica femminile. Infatti, quelle “fontane eiaculanti”che vengono dipinte nelle pellicole hot sono talmente lontane dalla realtà, che alcuni paesi come la Gran Bretagna hanno addirittura bannato lo “squirting” dalle categorie porno.

Bibliografia:

Dèttore, D., Antonelli, P., Giunti, D., & Ristori, J. (2018). Trattato di psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale. Giunti.

Wimpissinger, F., Springer, C., & Stackl, W. (2013). International online survey: female ejaculation has a positive impact on women’s and their partners’ sexual lives. BJU international112(2), E177-E185.

 

Tutor: Fabiana Salucci

Tirocinante: Stefano Joe Cattan

 

 

Condividi

Lascia un commento

Scrivi e poi premi Invio per cercare